^Torna sù
foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

Esperienza ed umanità. Legamenti d'amore, ritorni, avvicinamenti e molto altro. Cartomanzia, consulti e sedute specifiche. Strumentalistica e materiale. Per emergenze: 389 14 30 895


CONTATTI
Cellulare: 3891430895
mail: [email protected]

Ritualisti Esperti

La Chiave di Salomone

Esponici il tuo problema

Compila questo modulo per esporre una tua problematica e richiedere un rituale. Sarai ricontattato prima possibile.

LA MAGIA DI CUBA

STRUMENTALISTICA



COME EVOCARE UN DEMONE





COME EVOCARE UN DEMONE - Il rifugio degli officianti, il punto mistico dal quale, in tutta sicurezza, gli spiriti possono essere evocati, sottomessi, e si può porre loro qualsiasi domanda e ordinare qualsiasi cosa. 

Vi sono diverse forme di Circoli Magici: dall'anello di farina usato dai Babilonesi, a quello di pietre nere degli Indu, dai circoli portatili di carta dei maghi moderni, al circolo di metallo che venne confuso con l’Anello di Salomone, il quale aveva in se stesso il potere di evocare gli spiriti. 
II tipo più diffuso, tuttavia, descritto con molti dettagli nella Chiave di Salomone, è quello disegnato sul pavimento o sul suolo in un luogo conveniente: come una stanza isolata, un cimitero, un bosco. Secondo la Chiave occorre munirsi di una corda lunga tre metri e, legandovi ad una estremità il Coltello dell’Arte, usarla come una specie di compasso per tracciare un cerchio sul terreno. Dopo di ciò, si deve disegnare, all'interno della prima, una seconda circonferenza concentrica, dal diametro minore di circa trenta centimetri; entro questa, infine, ed alla stessa distanza, un ultimo cerchio. 

Come durante la vestizione, anche nel corso di questa importante fase del Rituale si devono recitare dei Salmi della Bibbia. I seguenti: II. LIV, CXIII, LXVII, LXVIII. Poi, vicino al margine interno del cerchio centrale, si deve tracciare la lettera ebraica Tau quattro volte, in corrispondenza di ciascun punto cardinale. Quindi, fra i circoli esterni e in direzione Sud-Est, il Nome di Dio di quattro lettere, che non deve essere pronunciato. Questo e IHVH, e parlandone vi si riferisce come al Tetragrammaton. Fra i rimanenti punti cardinali, altri ineffabili Nomi Magici vanno tracciati: “ A Sud-Ovest, AHIH (EHEIEH); a Nord-Ovest, ALVIN (ELION); a Nord-Est, ALH (ELOAH) ”. 

Questi nomi sono separati fra di loro da un pentagramma, disegnato in modo da presentare una sola punta verso l' esterno. 
Terminate queste operazioni, occorre racchiudere il Circolo in un doppio quadrato, tracciato ad una certa distanza da esso, con gli angoli disposti in direzione dei punti cardinali. La distanza fra i due quadrangoli deve essere di circa quindici centimetri. Intorno ad ogni angolo si deve disegnare un altro doppio circolo, dal diametro esterno di trentacinque centimetri. “Fra le due circonferenze concentriche, questi Nomi debbono essere tracciati: a Nord, ADNI (ADONAI); ad Ovest, AGLA (AGLA); a Sud, IH (YAH); ad 
Est, AL (EL) ”. 

Fra i due quadrati si traccia infine il terribile e potente Nome TETRAGRAMMATON, una volta per ciascun lato. 
Nel tracciare i circoli e i quadrangoli si deve avere cura di lasciare ciascuna figura interrotta per un piccolo tratto: e il “ sentiero ” attraverso il quale gli officianti entreranno a prendere le rispettive posizioni. II Maestro completerà le figure prima di iniziare il Rituale per l'Evocazione. 
Termina così la descrizione del Circolo. 

“ Quando il Maestro dell’Arte avrà parlato con gli Spiriti, dovrà ogni volta esercitarsi a creare un Cerchio diverso, che abbia qualcosa di speciale ”.

Fuori del Circolo è acceso un fuoco di carbone, sul quale dovranno bruciare dei profumi, e una Candela dell'Arte. In seguito il Maestro entra nel cerchio e lo “chiude” completando le interruzioni delle figure. 
A questo punto inizia l'Evocazione vera e propria. 

II procedimento che da Salomone verrà riprodotto da tutti i Grimori successivi, con poche varianti (principalmente l’introduzione di locuzioni cristiane al posto di quelle esclusivamente ebraiche della Chiave). 
II mago, dopo aver consultato libri quali il Lemegeton e il Testamento di Salomone sceglie lo Spirito che desidera chiamare. Avrà con se un pentacolo, inciso nel giorno e l’ora del pianeta dello Spirito (secondo le istruzioni della Chiave), con il quale costringerà quest'ultimo alla obbedienza. Usando le evocazioni e i Nomi Magici, egli evoca il demone ed ottiene i suoi servizi. 
E’ in occasioni come queste inoltre che il “ Patto Nero ” — con il quale l'evocatore vende l'anima e il corpo alle potenze infernali — viene stipulato.
 
 

Non hai i permessi necessari per inviare commenti. Registrati o effettua l' accesso nella Chiave di Salomone.

ULTIMI UTENTI CDS

  • AntohaSpu
  • Borisscent
  • Vladimirscent
  • anyptonerethy
  • Gio
  • gladienlol
  • ninone70
Copyright © 2017 Il premio richiesto è solo per il lavoro svolto e non per il risultato, per il quale non possiamo fornire alcuna garanzia.